mercoledì 7 settembre 2011

L'altro 11 settembre



Foto tratte dal libro “Dog Heroes of September 11th” (Kennel Club Books) 

Fra pochi giorni saranno passati 10 anni dagli attacchi terroristici alle Torri Gemelle di New York, un evento che verrà ricordato in ogni modo e in ogni luogo. E il mensile "Quattro Zampe" (www.qzlife.it) ha deciso di farlo a modo suo: dedicando ampio spazio nella rivista agli eroi a 4 zampe di quei giorni. Ci sono le storie di Coyboy, un bel border collie, dei pastori tedeschi Anna e Lolli e di tanti altri. I cani hanno tirato su il morale a vigili, poliziotti, medici e ai parenti delle vittime, non si sono risparmiati neanche un attimo. Molti, purtroppo, sono morti, un po’ per l’età, un po’ per aver respirato fumi tossici. Grazie alle loro ricerche, queste bestiole hanno permesso una degna sepoltura alle vittime e un conforto alle loro famiglie. 


Cowboy era il cane di Dave Richards (Utah Task Force 1). “Quando Cowboy raggiunge il World Trade Center va in sovraccarico sensoriale per i forti rumori di attrezzature pesanti e per gli odori di così tante persone presenti, vive e morte. Ma capisce che il suo compito è cercare e va dritto al suo scopo - racconta Dave -. Ground Zero era pieno di odori acri, fumo e polvere, c’era rumore e morte tutt’intorno. Eppure, chiunque vedesse passare il mio cane, non poteva fare a meno di accarezzarlo, come se la vicinanza gradita di quel quattro zampe facesse evadere dall’orrore, anche se per poco”. E ancora: “Cowboy amava i vigili del fuoco. Ogni tanto cercava un pezzo di legno lo lasciava ai loro piedi, scodinzolando, invitandoli a giocare con loro. Li ha davvero tirati su”. Testimonianze raccolte dalla scrittrice americana Nona Kilgore Bauer (www.nonakilgorebauer.com) sul suo best seller “Dog Heroes of September 11th”, uscito in una nuova edizione per il decennale.

Foto tratte dal libro “Dog Heroes of September 11th” (Kennel Club Books) 

Molte altre le testimonianze sul servizio di Quattro Zampe, come quella di Sarah Atlas, (New Jersey Task Force 1) che parla della sua Anna: “Tutti i cani che hanno lavorato al World Trade Center sono veri eroi americani, compresi quelli da pet therapy intervenuti numerosi. Sono stati i nostri compagni, i nostri partner di lavoro e la nostra forza”. E Penny Sullivan (Ramapo Rescue Dog Association), che fa coppia con Lolli, specializzato nella ricerca di cadaveri: “Questi eroi a quattro zampe, oltre a dare un termine alla luttuosa ricerca dei corpi, permettendo una degna sepoltura e una sorta di serenità alle famiglie delle vittime, hanno dato speranza ai loro compagni umani e a tutto il personale di soccorso”.


LE ORE MALEDETTE

ore 8.46: Un aereo di linea della American Airlines viene dirottato e colpisce la Torre Nord del World Trade Center.

ore 9.03: Un secondo aereo dirottato dell’United Airlines colpisce la Torre Sud del Wtc.

ore 9.38: Un terzo aereo dell’American Airlines si scaglia contro il Pentagono, a Washington.

ore 9.58: La Torre Sud collassa.

ore 10.03: Un quarto aereo dell’United Airlines finisce in un campo a Shanksville (California).

ore 10.28: La Torre Nord collassa.



I DATI

Si contano 2.974 vittime almeno, per lo più civili, dei quali:

· 343 vigili del fuoco

· 24 dispersi

· 19 dirottatori


Foto tratte dal libro “Dog Heroes of September 11th” (Kennel Club Books) 


ALTRI NUMERI

· 300 unità cinofile certificate per la ricerca

· 500 unità da pet therapy

· 4.000 persone evacuate dalla Torre Sud

· 11.000 intervenuti, tra vigili del fuoco e personale medico