domenica 25 settembre 2016

Il Teatro solidale: l'Eliseo per il terremoto


L'Eliseo e il Piccolo Eliseo sono vicini alle popolazioni vittime del terremoto: il ricavato di 2 anteprime (lunedì 26 e martedì 27 settembre) sarà devoluto a chi è stato colpito dal recente sisma del centro Italia. Si tratta di 2 debutti nazionali: Americani (di David Mamet interpretato da Sergio Rubini - anche regista - Gianmarco Tognazzi, Francesco Montanari, Roberto Ciufoli, Gianluca Gobbi, Giuseppe Manfridi, Federico Perrotta (lunedì, all'Eliseo), e American Buffalo (sempre del drammaturgo americano, testo adattato in dialetto napoletano da Maurizio de Giovanni), interpretato e diretto da Marco D’Amore; sul palco anche Tonino Taiuti e Vincenzo Nemolato. 

2 messe in scena di grande richiamo: la storia di un’agenzia immobiliare che per risollevasi da una difficile situazione economica, lancia una sfida ai dipendenti: chi riuscirà a vendere di più avrà in premio una Cadillac, il secondo vincerà un servizio di coltelli da bistecca, per tutti gli altri licenziamento imminente, e uno spaccato di periferia urbana con il divo di "Gomorra", storia di un fallimento, annunciato, quasi voluto, racconto da bassofondo, di slang e male parole, di botteghe maleodoranti e vestiti sdruciti.

sabato 24 settembre 2016

Il Drago e il Colosseo: Bruce Lee e l’Italia


Oriente, esoterismo, filosofie e religioni. Sono i temi degli incontri che la Libreria Rotondi (via Merulana 82, a Roma) ha deciso di organizzare con cadenza mensile. Si comincia il prossimo 5 ottobre, alle 18.30, con "Il Drago e il Colosseo: Bruce Lee e l’Italia"; relatori il giornalista e scrittore Francesco Palmieri, con Antonio Franchini (autore di "Quando vi ucciderete, maestro?"). Gli “Incontri del mercoledì” si terranno ogni primo o secondo mercoledì di ogni mese nello storico negozio capitolino, a pochi passi da Santa Maria Maggiore.

CHI E'
Francesco Palmieri è nato a Napoli nel 1962. Giornalista, ha pubblicato "Le Due Porte" (Ad est dell’equatore 2015), "Il libro napoletano dei morti" (Mondadori 2012) e i saggi "Sole, Luna e Talia. Magia e misteri a Napoli "(Società editrice napoletana 1984) e "Vite pericolose". Uomini e fantasmi delle arti marziali (Settimo Sigillo 2009). E' Maestro di Kung Fu.

giovedì 22 settembre 2016

L’inquilina del piano di sopra


Dal 27 Settembre al 23 Ottobre “L’inquilina del piano di sopra”, classico della comicità di Pierre Chesnot con Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero, apre la stagione 2016/2017 del teatro Golden (via Taranto 36, a Roma). Il regista Stefano Artisunch porta in scena una commedia dai buoni sentimenti che ride dei rapporti di coppia, uno spettacolo che fa amare la vita, proprio perché ridicolizza il dramma che ognuno di noi ha in sé..... “Ormai sei nato.. non c'è più niente da fare!!!”. Due personaggi in crisi esistenziale - ed un terzo, l'amica di lei - che al giro di boa degli "anta" fanno i conti con il loro passato e si interrogano sulle aspettative future. 

Ad agosto, in una Parigi deserta, dopo un tragicomico tentativo di suicidio, Sophie accetta la sfida dell’amica Suzanne che le propone, come ultimo tentativo per dare un senso alla sua vita, di conquistare e rendere felice un uomo, il primo che le capiti a tiro. Un modo per tentare di risollevare l’umore nero dell’amica, che non vede altra via d’uscita alla sua vita fallimentare se non quello di togliersi la vita. Il primo uomo che Sophie incontra è Bertrand, unico scapolo del palazzo, rimasto anche lui solo ad agosto. Uno scontroso professore universitario che si diletta nella costruzione di marionette, pupazzi e meccanismi automatizzati e dalla personalità eccentrica, diventa il protagonista involontario della vicenda. Inizia così il gioco dell’innamoramento, in un alternarsi di stati d’animo che trascina i due dal pianto al riso, mentre si scoprono più simili di quanto possa sembrare: insieme trovano la capacità di sdrammatizzare, le piccole tragedie quotidiane per affrontare con leggerezza la paura della solitudine.

GLI ATTORI 

Gaia De Laurentiis è una conduttrice e un’attrice televisiva e teatrale. Tra i programmi più famosi, “Target”, “Ciro”, “Su e Giù”, “Changing room”, e le fiction “Sei forte maestro”, “Io e mamma”, “Mi sei entrata nel cuore”. Interprete e protagonista di  spettacoli e commedie teatrali come: “Lisistrata”; “Alla stessa ora il prossimo anno”; “Ti amo o qualcosa del genere”

Ugo Dighero debutta in televisione su Rai 3 nel 1991 con Avanzi, cui partecipa con  sketch comici assieme ai citati Broncoviz, con i quali lavora anche nella trasmissione Tunnel, nel 1994, anno in cui è nel cast del film Peggio di così si muore. La notorietà televisiva aumenta nel 1998 quando viene accolto dalla Gialappa's band nel cast di Mai dire Gol e contemporaneamente in Un medico in famiglia, fiction su Raiuno di grande successo. Con la Gialappa's partecipa a Mai dire Maik e recitando nell'unico film scritto e diretto dal trio comico, Tutti gli uomini del deficiente. Nello stesso anno debutta come regista di spettacoli teatrali nell'opera Non ve lo do per mille, il cui seguito esce nel 2000 con il titolo Non ve lo do per mille 2: la vendetta!!. Nel 2001 interpreta il ruolo di Don Puglisi nella fiction di Raiuno Mille giorni a Brancaccio e recita nei film 500! e Quore, nel 2004 approda a R.I.S. - Delitti imperfetti ed A voce alta (2006). Nel 2009 rientra nel cast di Un medico in famiglia. Numerosi i suoi ruoli teatrali, solo negli ultimi mesi è stato protagonista di “Apocalisse” di Nicolò Ammaniti, “Mistero Buffo” di Dario Fo.

mercoledì 21 settembre 2016

Orfanzia


“Ogni giorno è una lotta. Dicono che cresco debole e storto, che non sono normale perché non ho un filo di ciccia addosso, che gli altri bambini al confronto sembrano giganti. Dicono che devo mangiare, non è possibile che un bambino della mia età non abbia mai appetito. 
Io non voglio mangiare. Ma mia madre non si rassegna, continua a imboccarmi come se avesse fame al posto mio.” 

Un bambino troppo magro dentro un mondo troppo insipido, due genitori ossessionati dal cibo: può solo finire in tragedia. O in commedia - una commedia nera. Venerdì 23 settembre, alle 18, presentazione del libro di Athos Zontini, Orfanzia (Bompiani), alla Libreria La Feltrinelli (via Vittorio Emanuele Orlando 78-81). Con l'autore interviene Chiara Valerio. Romanzo d’esordio per Zontini, nato a Napoli nel 1972, autore radiofonico e sceneggiatore televisivo, un libro che fa sorridere e rabbrividire allo stesso tempo.

Il protagonista di Orfanzia è perseguitato dai genitori, una coppia napoletana benestante che vuole vederlo tondo e felice come gli altri bambini. Ma lui non si piega: è convinto che gli adulti i bambini se li mangino, a un certo punto, e non è certo la fine che vuole fare. Poi, lentamente, alcuni incontri-scontri con la vita (un amico di violente scorribande e una serie di compagni e compagne di scuola) accendono un gusto per le cose di tutti i giorni che si propaga in lui raggiungendo anche le papille e la tavola. Sembrerebbe la fine dei suoi problemi. E invece è la fine e basta.