lunedì 20 gennaio 2014

Per fortuna c’erano i pinoli



Un inno contro il silenzio dell'anoressia, 
Una straordinaria storia d'amore e d'amicizia


Domani, martedì 21 gennaio, alle ore 18, presentazione del romanzo di Margherita De Bac, "Per fortuna c’erano i pinoli" (Newton Compton Editore) al museo MAXXI (Sala auditorium, in via Guido Reni 4). Con l’autrice intervengono Giovanna Melandri, Presidente Fondazione Maxxi, il giornalista Paolo Conti, l'attrice Margherita Di Rauso e Marco Liorni, conduttore Radio-Televisivo

Domitilla ha ventiquattro anni e una bellezza malinconica e sfuggente. Vive a Roma con la sua famiglia, ha pochi amici e frequenta raramente i giovani della sua età. Ma un giorno conosce Lucia, brillante avvocato quarantenne, e così si apre a quella donna dai modi gentili e accoglienti. Malgrado la differenza d’età, tra le due nasce una curiosità reciproca e cominciano a parlare e a confidarsi come due vecchie amiche. Domitilla è riservata, ma bisognosa di affetto e in Lucia trova comprensione e premure materne; piano piano le fa capire di avere una storia dolorosa nascosta dentro di sé. Le manca il coraggio di raccontargliela però, e così le consegna un vecchio diario. Lucia legge pagina dopo pagina il racconto dello strazio, della incapacità di uscire dal tunnel dell’anoressia della sua giovane amica e ne rimane turbata. Si è affezionata a Domitilla come fosse sua figlia e si sente ancora più coinvolta nella sua vita. Così cerca di saperne di più sulla sua famiglia e sulla misteriosa Villa Rosa affacciata sul lago di Locarno....

L'AUTRICE
Margherita De Bac, romana, giornalista del «Corriere della Sera» scrive di tematiche legate a sanità, medicina e bioetica sul quotidiano e i settimanali «Sette» e «Io Donna». È autrice dei libri-inchiesta "Siamo solo noi" e "Noi, quelli delle malattie rare". Questo è il suo primo romanzo.