lunedì 1 luglio 2013

Fatto di sangue


"Sto bene qui. Mi piace il fresco della cappella in piena notte, quando tutti dormono e io posso starmene qui tutto solo a contemplare le immagini dei santi. Mi piace l’odore dei panni puliti, quando li stendono sulla terrazzetta accanto al lavatoio: mi ci avvicino e respiro l’aria leggermente profumata di sapone e liscivia. Mi piace sedermi in un angolo della legnaia e aspettare che si affaccino i topolini. Mi diverte dar loro la caccia. Sto bene qui. Quando la luna è alta nel cielo, mi piace anche camminare con circospezione per i corridoi delle celle, vegliando il sonno delle suore. Mi piace quella bambina insonne chiusa in una stanzetta che tenta di comporre un brano di musica sacra. Gli sforzi vani sono sempre belli".

Dopo La pelle e la principessa e Miracolo a Maiorca, arriva in libreria dall’11 luglio il nuovo romanzo di Sebastià Alzamora, che ha spopolato a Barcellona aggiudicandosi il Premio Sant Jordi 2011, "Fatto di Sangue", per Marcos y Marcos Editore.

Una suorina giovane che ama tanto cantare, un vampiro che non teme la luce del giorno, un commissario buonissimo sotto la scorza. Mentre la guerra impazza per le strade di Barcellona, altri delitti, molto più privati, si consumano. Il commissario Muñoz indaga su un bimbo assassinato: con in tasca la trottola raccolta sul luogo del delitto, sa che sta cercando un mostro. Lo troverà nel chiostro di un convento…Gotico e romantico, poliziesco e comico: un romanzo sul coraggio, al di là di ogni genere.