venerdì 11 ottobre 2013

Zoomarine, il parco acquatico di Roma


Ancora un week-end (domani e dopo-domani, 12 e 13 ottobre) e poi, per ammirare i delfini, i pinnipedi (foche e leoni marini), i pappagalli, i falchi e le aquile, per giocare alla battaglia navale (dal vivo...), per emozionarsi vedendo i pirati tuffarsi da un trampolino da 25 metri, bisognerà aspettare il prossimo aprile... Zoomarine, il parco acquatico di Torvajanica (sul litorale romano), dopo una lunga, densissima stagione - coronata da 500mila presenze - "chiude" i battenti. Dentro la bella struttura (40 ettari di verde), che ospita anche una spiaggia con piscine e scivoli, montagne russe, bar e ristoranti, una sala multimediale per film 4D e una zona dove è riprodotto il mondo dei dinosauri, rimarranno però tutti gli animali, gli allenatori, i veterinari e gli addetti (non tutti i 450 dipendenti estivi, ma un buon numero). Perchè Zoomarine "vive" 365 giorni l'anno, come ci racconta l'addestratore di delfini Angelo Enriques (ascolta l'audio dell'intervista).


Il falco pellegrino

Un impianto per insegnare a grandi e piccini (i veri protagonisti) ad amare e rispettare la natura, imparando a conoscere gli animali, entrando in contatto con il loro mondo e il loro modo di comunicare e amare, entusiasmandosi ogni volta che un delfino salta dalle acque (per inciso, Zoomarine produce l'acqua da sè, non la prende dal mare! Clicca qui per sapere come funziona il delfinario), o che una foca "gioca" con gli addestratori o con il pubblico, ammirando la planata del falco pellegrino, l'uccello più veloce della terra. O magari scoprendo le tante specie di pappagalli che vivono in America del Sud, dove multinazionali senza scrupoli divorano migliaia di ettari all'anno della Foresta Amazzonica, il polmone verde di tutta l'umanità. 


Un leone marino

"Purtroppo alcuni pensano che in posti come questo gli animali siano "sfruttati" o soffrano, ma NON E' VERO!" ci spiega Enriques, che racconta come invece fra addestratori e animali (nel suo caso delfini) si crei un legame indissolubile, una vera e propria famiglia, dove si gioca e ci si vuole bene. "Tutti i giorni, tutto l'anno, con la pioggia, la grandine o i 40 gradi estivi, si è in acqua con i nostri animaletti - dice ancora Enriques -. E la dimostrazione che sono felici è che si riproducono: l'altr'anno nel parco ci è nata infatti una piccola delfina, ed è stata una gioia per tutti noi!" (Continua ad ascoltare Enriques)


Un tursiope

Per i più tecnologici, si può scaricare la Zoomarineapp, con la mappa interattiva, gli orari degli spettacoli, le curiosità sulle attrazioni e - ovviamente -tanti giochi. Per chi invece ama la natura e cerca lavoro, una professione all'interno del Parco acquatico può essere un'idea alternativa valida rispetto a passare 8 ore della propria giornata davanti ad un PC (vuoi saperne di più? Clicca qui). Zoomarine è in via Zara, a Torvajanica (Pomezia) ed è raggiungibile da Roma anche con comode navette bus.