martedì 14 gennaio 2014

L'anima al diavolo, di Serena Scandellari


Esce in libreria - da domani, 15 gennaio - "L'anima al diavolo", della bolognese Serena Scandellari, per Felici Editore, una storia irrinunciabile per affrontare un certo mondo del lavoro... Bianca aveva un lavoro, un lavoro strapagato. Ora, dopo un tracollo nervoso, è ridotta a fare la sostituta centralinista interinale. Nel frattempo sta scrivendo un libro dal contenuto misterioso, e lotta con tutta una serie di malattie psicosomatiche che racconta in modo tragicomico al suo psicologo, mentre trascina stancamente la propria vita attuale.  Non esce quasi mai, ridotta ad un cumulo di strane malattie, ma frequenta la libreria sotto casa, dove a procurarle i libri che le piacciono c’è Michele. “Mi piace. Potrei anche pensare di uscirci, idealmente, ma io in pratica non esco più con nessuno da un bel po’ di tempo. Tantomeno con quelli che mi piacciono davvero.” 

Poco alla volta, Bianca spiega al dottore quale fosse il vero scopo dell’agenzia. E tra una seduta e l’altra accetta di uscire con Michele. Nel frattempo le condizioni di Bianca migliorano: lo psicoterapeuta non esiste, ma è solo un prodotto della fantasia di Bianca, che dopo aver raccontato tutto, dopo aver finito il libro, e aver riacquistato un po’ di fiducia in se stessa e nel prossimo è pronta a interrompere la terapia. 

Scrive così Gianluca Morozzi nella quarta di copertina: "Anche le persone buone sbagliano, e poi devono fare i conti con quello che resta della loro anima. Una storia di espiazione e redenzione, uno stile acuto, impietoso e divertente". 

L'AUTRICE
Serena Scandellari è nata nel 1975 a Bologna, dove vive. E’ laureata in Lingue e letterature straniere moderne. Ha fatto tanti lavori, nessuno che fosse collegato con la laurea in lingue: PR, centralinista, impiegata in una finanziaria, barista, direttrice di una catena di negozi d’abbigliamento, booker presso un'agenzia di moda della quale non intende rivelare il vero nome neanche sotto tortura. E’ stata attrice amatoriale a teatro, e si è molto divertita; adesso organizza eventi culturali, mostre, cene letterarie, corsi di scrittura e workshop come libera professionista, perché ha deciso che non vuole mai più avere un capo in vita sua. L’anima al diavolo è il suo secondo romanzo (il primo, "L’amore è un uccello ribelle", è stato pubblicato nel 2013 da Miraviglia Editore).