martedì 14 febbraio 2012

Discorso diretto. Parola agli scrittori


Gianrico Carofiglio

Dopo l'incontro di gennaio con Giorgio Faletti, al Teatro Palladium di Roma (piazza Bartolomeo Romano 8), secondo appuntamento per "2012. Un anno stregato", il progetto di promozione della lettura realizzato dalla Fondazione Bellonci che quest’anno – con il titolo "Discorso diretto. Parola agli scrittori" – propone cinque appuntamenti per conoscere differenti universi creativi, riflettere sugli strumenti espressivi della scrittura, riscoprire gli autori che hanno accompagnato e orientato il cammino dei grandi narratori italiani di oggi accendendo in loro la scintilla della letteratura. 

Il 16 febbraio sarà Gianrico Carofiglio, noto al grande pubblico attraverso le vicende del protagonista della maggior parte dei suoi romanzi, l’avvocato Guido Guerrieri, e di recente autore de "Il segreto dell’onda" (Rizzoli), a narrare dal suo punto di vista l’avventura di scrivere. A marzo toccherà poi a Roberto Saviano, che con il suo libro d’esordio "Gomorra" (Mondadori) ha dimostrato come la scrittura e la lettura non siano solo intrattenimento, ma anche possibile e concreto strumento di presa di coscienza sociale e civile; il 16 aprile ad Alessandro Baricco, che anche nel suo ultimo Mr Gwyn (Feltrinelli) conferma doti di grande affabulatore. Concluderà il 15 maggio il ciclo d’incontri Margaret Mazzantini, scrittrice pluripremiata e autrice del recente "Mare al mattino" (Einaudi). Il 19 gennaio ha "aperto le danze" il comico, attore, cantante, artista ma soprattutto scrittore Giorgio Faletti (autore del racconto lungo "Tre atti e due tempi", edito da Einaudi): nei suoi romanzi le parole si tingono di giallo e diventano mistero. Lui e le sue storie noir sono stati i protagonisti di un dialogo senza filtri con i lettori. 

2012. Un anno stregato non è solo incontri con l’autore ma anche comunicazione digitale attraverso la webzine "Terza pagina", interamente animata dai ragazzi delle scuole che partecipano all’Anno stregato della Fondazione Bellonci. Per questo, accanto alle attività tradizionali di invito alla lettura (selezione e invio agli studenti delle novità editoriali della stagione e formazione di circoli di lettura in preparazione degli incontri con l’autore), è nata una vera e propria community dei ragazzi delle scuole coinvolte: oltre alla webzine è attiva su Facebook la fanpage del progetto.