venerdì 8 maggio 2015

Dura pioggia cadrà


«Il vecchio si lascia cadere in ginocchio e respira, lentamente, lasciando che l'aria che entra dilati il diaframma e plachi le dolorose contrazioni che lui non riesce a dominare. Ma inutilmente. Allora, con un gesto lento, doloroso, passa la punta delle dita sulle guance del piccolo, sozze di sangue. Lo fa con delicatezza, come accarezzasse il collo di un papavero reciso da una falce.
Poi appoggia la fronte sullo stipite di metallo della porta, gelido nell'aria della notte. E, finalmente, piange. 

Nella Roma dei nostri giorni – notturna e avvolta in misteri antichi come il Tempo – vive nascosto il druido Merlino. Come Artù, Lancelot e Parsifal, il mago è sopravvissuto alla caduta di Camelot, quando il sogno di fondare una nuova era di pace si era infranto sotto l’attacco dei tradimenti e della brama di potere. Il compito dei quattro eroi è proteggere Excalibur, la spada magica che può cambiare il corso della Storia, in attesa di trovare qualcuno degno d’impugnarla di nuovo. Condannati alla vita eterna, costretti a confrontarsi con le proprie debolezze, i quattro eroi però si sono persi: alcuni hanno lottato su fronti opposti, altri hanno dimenticato il senso della loro missione. Ma dopo sedici secoli una nuova minaccia incombe sul pianeta, e Merlino deve ritrovare i tre compagni per un’ultima, disperata impresa. 

E' in libreria per Castelvecchi Editore "Dura pioggia cadrà. L’ultima storia di Avalon", di Paolo Logli (per i più attenti, un titolo che ricalca la nota canzone di Bob Dylan, A hard rain's a-gonna fall - Una dura pioggia cadrà, clicca qui per ascoltarla). Dalle mura di Castel Sant’Angelo alle strade di Dublino, dalle trincee della Grande Guerra all’orrore di Hiroshima, il noir si colora di sovrannaturale, la ricostruzione storica accoglie il crudo romanzo metropolitano, dando vita a un’originale e indimenticabile invenzione letteraria.

L'AUTORE
Nato a La Spezia nel 1960, ha firmato diverse serie e miniserie televisive, film e ha scritto per il teatro. Come narratore ha esordito nel 2011 con il romanzo Quis ut deus per Ad est dell’equatore.